Terzo appuntamento, domenica 24 settembre alle ore 11, per la XIX edizione della rassegna di musica antica suonata con strumenti originali Tamo Barocca. I concerti di Accademia Bizantina, promossa da Accademia Bizantina e realizzata in collaborazione con Comune di Ravenna e Fondazione RavennAntica.
Il concerto si tiene come di consueto al Museo Tamo  e vedrà protagonista l’Archipelago ensemble, ossia Lorenzo Colitto (1° violino e maestro di concerto), Lisa Ferguson (2° violino) e Giovanni Bellini (tiorba e chitarra) – ai quali si aggiungeranno cello/viola da gamba e cembalo – impegnati in un programma che annovera la Sonata a tre in Do maggiore BuxWV 266 di Dietrich Buxtehude (1637-1707), la Sonata a tre in Do maggiore op.1 n.1 di Pietro Migali (1635-1715), la Sonata a tre in Sol maggiore BuxWV 271 ancora di Buxtehude, la Sonata a tre in FA maggiore op.5 n°6 HWV 401 di Haendel (1685-1759), e la Sonata a tre in Mi maggiore op.5 n.3 di P.A. Locatelli (1695-1764).

L’ensemble Archipelago nasce da un’idea di Lorenzo Colitto. La sua attività di leader con gruppi di fama in Europa e negli Stati Uniti e la sua collaborazione con alcuni dei musicisti più prestigiosi nel campo della interpretazione con strumenti originali lo hanno spinto a creare un nuovo gruppo nel quale fosse possibile sintetizzare le esperienze di due decenni.
Archipelgo si prefigge di riscoprire musica del XVII e XVIII secolo, con particolare attenzione al repertorio bolognese.
Le collaborazioni artistiche sulle quali può contare sono numerose: musicisti di primissimo piano in Italia, Europa, Australia e Hong Kong. Tra gli altri l’oboista Afredo Bernardini e la soprano Gemma Bertagnolli.
L’ensemble si è già esibito in diverse formazioni a Roma (Teatro Olimpico), Hong Kong (nell’ambito di celebrazioni per il made in Italy promosse dalla Camera di Commercio Italiana a HK), Bridgetown (Australia) per il Blackriver Chamber Music Festival (presentando cinque diversi programmi a tema), Melbourne (Australia), al castello di Zemono (Slovenia) per una serie di incontri culturali, e recentemente al festival di Callas (Francia).
Attratti dalla musicalità e dal prestigio dimostrati dal violinista italiano, sono già molti gli organizzatori e promotori musicali a livello internazionale che hanno mostrato il loro interesse per Archipelago e per i progetti di riscoperta di alcune interessantissime opere del repertorio bolognese dell’inizio del ‘700.

Tamo Barocca. I concerti di Accademia Bizantina proseguirà il 1 ottobre con lo Stravaganze Musicali duo, che eseguirà musiche di Mealli, Rossi, Albertini, Corelli, Handel e Bach.
L’8 ottobre sarà la volta del Lira Celeste ensemble che eseguirà musiche Corrette, Campra, de Boismortier, Marchand e de Visée.
Il penultimo appuntamento della rassegna, il 15 ottobre, vedrà arrivare al Tamo l’Ensemble Quadrios (traversiere, violino, viola da gamba e clavicembalo) con musiche di Telemann, mentre a chiudere la manifestazione, domenica 22 ottobre, saranno i cinque oboisti de Les Hautbois du Roy con un programma comprendente, tra gli altri, Purcell, Janitsch e Tollett.

Clicca qui per scaricare la cartolina dell’iniziativa

Biglietti: 10 euro intero, 7 ridotto (under 26, over 65)
Omaggio a tutti i soci di Accademia Bizantina
Abbonamenti: 55 euro intero e 37 ridotto.

Per informazioni:
info@accademiabizantina.it
www.accademiabizantina.it
tel. 0545 61208
Facebook: Accademia Bizantina – Ottavio Dantone

Pin It on Pinterest

Share This